ORA PORTIAMO A CASA I NOSTRI BENI !

I NESTOS !

Quando Antonino Greco ha detto “dobbiamo sentirci a casa nostra” ci siamo guardati in faccia increduli ma certi che per la prima volta tutti abbiamo potuto seguire questa lunga e snervante trattativa, in trasparenza e passo dopo passo. Non si era mai verificato che il cittadino venisse aggiornato in tempo reale sull’iter che la nostra Amministrazione seguiva per portare a casa un accordo dignitoso. Abituati a valzer indecenti di mezze figure con un linguaggio di basso politichese, che non ti “comunicano mai nulla” nascondendosi dietro una nullità operativa. Per la prima volta è stato reso pubblico un atto informando la cittadinanza affinché ne prendesse conoscenza. Ne è venuta fuori una immagine di politici fasulli che per anni hanno vissuto contando sulla ignoranza dei cittadini, a cui vengono nascosti gli atti, rendendoli invisibili ad arte. Dall’apertura della crisi del castello sino alle ore 11 di ieri il Vicesindaco Antonino Greco ha tenuto dettagliatamente e giornalmente informata la opinione pubblica sulle trattative con il Sovraintendente. Forse è stato questo il primo vero atto di questa Amministrazione spesso impreparata , certo un po sbandata, sicuramente più spesso mal guidata. Credo che al di là della appartenenza politica la scelta dell’Antonino Greco è risultata vincente anche perché ha baipassato colleghi più esperti che ti trascinano in ragnatele e paludi. Può considerarla una vittoria personale per aver superato ostacoli interni e giocato bene i vari sostegni.

Ieri sera , peccato per gli assenti, è riuscita una bellissima serata organizzata dal Pulizzotto (uno dei più attivi e decisi) che ha coinvolto artisti locali e forestieri facendoci uscire dalla solita trita atmosfera da saga paesana attirando a Marineo altri esponenti dell’arte e della cultura. Egle Mazzamuto ha trovato un pubblico caldo e vivace, gli Alturas non hanno deluso il suo pubblico di casa concedendo più volte il bis e trascinando i presenti in cori esaltanti.

Ma è stato Antonino Di Sclafani che recitandone il curriculum ci ha presentato quello che in questo momento è un grande “orgoglio marinese”: Giuseppe Inguì , direttore scientifico del restauro in atto nella Basilica della Natività in Betlemme di Palestina. E’ stato un …terremoto di emozioni tutte racchiuse in una frase: quando mi è stato proposto l’incarico mi sono persino dimenticato di trattare l’onorario talmente ero emozionato…”.

Per la cronaca va registrata l’intenzione della Sopraintendenza e di questa Amministrazione di far rientrare a Marineo nei locali del Castello tutti i beni artistici, culturali e archeologici distribuiti fuori del territorio. Si proprio quell’ operazione che noi chiamammo I Nestos e che oggi qualcuno , more solito , fa sua mentre a me costò l’appellativo di vastasu…

A questo punto affidiamo al Maestro Giuseppe Inguì l’incarico di pregare davanti la grotta di Betlemme per … (vedi elenco allegato)

giovedì 26 marzo 2015

HANNO FIRMATO !

Questa mattina alle ore 11 la Dott.sa Maria Elena Volpes per nome e conto dei BB.CC. in qualità di Sopraintendente e il Sindaco di Marineo dott. Pietro Barbaccia assistito dal Vicesindaco Antonino Greco e dall’Assessore alla Cultura hanno firmato l’accordo di cooperazione per la fruizione e la valorizzazione del Castello Beccadelli di Marineo.
Finisce un problema che si trascinava in modo drammatico da qualche mese e che rischiava di escluderci ed estranearci da quello che è , con la Rocca , il simbolo di Marineo.
Finalmente Marineo ha la sua Casa della e per la Cultura.
Oggi e giornata per le buone notizie
FRANA MARINEO SANTA CRISTINA
Sabato mattina troverà parziale soluzione la strada che collega Marineo a Santa Cristina. Una ruspa inviata dal Commissario della Provincia interverrà aprendo un percorso alternativo.
Si raccomanda la massima prudenza ricordandosi che si tratta di una soluzione provvisoria. Questo problema che ha creato grandissimo disagio a chi usa questo percorso , residenti, agricoltori, allevatori (si sentivano persino i lamenti degli animali da pascolo non alimentati come di consueto) e infine il tipico ristorante Parco Vecchio che nel momento di maggior lavoro sotto Pasqua rischiava di sentirsi annullare le prenotazioni. Non possiamo non segnalare il deciso intervento del Sindaco di Santa Cristina, appoggiato dalla nostra Amministrazione ma soprattutto il movimento spontaneo creato dal Signor Trentacosti promotore di una raccolta firme di circa 400 persone.
ACQUA
Oltre 40 Comuni fra cui il nostro hanno firmato un primo protocollo di intesa che ad oggi garantisce il servizio idrico almeno sino a maggio in attesa della soluzione definitiva che è costantemente monitorata .
UK ART
Dalle ore 19.30 , senza intervalli, la prima manifestazione artistica dopo l’accordo sul Castello con i vari artisti-espositori, con gli interventi di
Egle Mazzamuto
Carmelina Battaglia e Francesca di Marco
IL GRUPPO ALTURAS
Con Walter Cangelosi, Katia Rainieri e Totus Tuzzolino
GIUSEPPE INGUì
Hyde Park festeggia il Maestro Giuseppe Ingui
Or ora nominato Direttore Schientifico per il restauro dei mosaici della Basilica Costantiniana della Natività di Betlemme in Palestina

mercoledì 25 marzo 2015

LA MEGGHIU STIDDA DI LI SERAFINI, EGLE MAZZAMUTO DI CARINI



  
Sono stato al Castello ad assistere alle prove dei “pezzi” in programma domani alle ore 19.30 nell’ambito dela mostra UP Art . In verita non ero molto entusiasta perché “visto uno visto tutti” … ma mi incuriosiva che due nostre note artiste marinesi accompagnassero una “nuova Rosa Balistreri” fatta in casa. Questo continuo abbinamento alla Balistreri mi dà fastidio perché è sempre presentato come “reclame” per mettersi in mostra. Nomi come Balistreri o De Andrè sono ormai troppo abusati … Intanto , mi perdonerà la Rosa, il paragone se è possibile lo si può fare nella voce ma non nell’aspetto. Questa bella trentenne quando canta o recita si trasforma e i suoi linemaneti da dolci diventano tesissimi come se le corde vocali tirassero i muscoli del viso. Certamente non farà testo vedere il padre che la guarda con occhi lucidi come fosse il suo innamorato e debbo dire che lo è veramente. Molto nota nel suo ambiente ha diretto Scaldati, fatto tournè da Firenze a Dusseldorf e mentre canta e cunta si auto dirige scegliendo per ogni canto un angolo diverso del castello. Educatamente ti ascolta prende in considerazione tutto , ma alla fine fa solo quello che vuole. Siamo fortunati che a a Marineo abbiamo Carmelina Battaglia e Francesca Di Marco.Con la prima quasi non occorreva provare
E lo stesso con la Di Marco perché entrambe fanno parte  di quel selezionato gruppo che hanno dato prova di enorme professionalità e capacità artistica diventando un altra bella eccellenza marinese.
Già nelle prove sentire la Mazzamuto nel lamento dedicato alla nostra compaesana Concetta Sileci ti commuove e trascina come a sottilieare una colpevolezza collettiva. Inutile aggiungere quello che sta succedendo nel nostro tempo a donne disperate e bambini  “inutilmente immolati”.
La sua voce meriterebbe un critico più valente e capace , i suoi cunti sono di quelli che si ascoltano ad occhi chiusi perché la sua melodia va direttamente al cuore passando prima per la ragione.
Ecco dopo averla ascoltata vorresti far parte di una favola dove la scena principale è la Mazzamuto che canta e sussurra al suo pappagallino (una cocorita albina) e per una volta vorrei diventare albino per …

Giovedi 26 alle ore 19.30 Al Castello da non perdere.

GLI ABITANTI DEL CASTELLO

ARTE MUSICA E CANZONI
Come fosse un festival
Castello Beccadelli Bologna Marineo
Sopraintendenza ai BB.CC.
Comune di Marineo
GIOVEDI 26 Marzo ORE 19.30
UP ART
SERATA DA FUOCHI D’ARTIFICIO
PINA CASTRONOVO e SALVATORE PULIZZOTTO
MADRINA E PADRINO DELLA MOSTRA UP ART
ACCOGLIERANNO I VARI MAESTRI
QUESTA VOLTA GUIDATI DAL MAESTRO PULEO
MAGISTER DELLA SETTIMANA
MA QUESTO GIOVEDI NON SOLO PITTURA E ARTE
AVREMO OSPITI ECCEZIONALI COME
IL GRUPPO ALTURAS
Con Walter Cangelosi, Katia Rainieri e Totus Tuzzolino
testimoni che la musica medievale si trova a suo agio anche nell’arte moderna
EAGLE MAZZAMUTO
Accompagnata da Carmelina Battaglia e Francesca Di Marco
Ci faranno rivivere le emozioni di Rosa Balestrieri
HYDE PARK
UN OSPITE ECCEZIONALE. UN MAESTRO ED UN ARTISTA CHE è DIVENTATO L’ORGOGLIO MARINESE NEL MONDO
Sarà Antonino Disclafani a indrodurre
Giuseppe Ingui
or ora nominato direttore scientifico della Basilica Costantiniana della Natività di Betlemme in Palestina.

martedì 24 marzo 2015

CASTELLO-CASA DELLA CULTURA: ANTONIO BECCADELLI DETTO IL PANORMITA RIOCCUPA IL CASTELLO




L’idea iniziale era portare all’attenzione dei cittadini, artisti delle diverse espressioni dell’arte, invitando da un lato gli stessi artisti a “spiergarsi” (farsi conoscere) e il pubblico ad avvicinarsi a delle arti che frequenta di solito “frettolosamente”. La mostra lungo il percorso ha dovuto affrontare importanti modifiche e inserimenti che l’ hanno arricchita in modo inaspettato. Già l’inserimento di nomi noti assieme ai meno noti anziché turbare l’equilibrio ha valorizzato entrambi perché le giovani leve si sono avvalse di “compagni prestigiosi” (Sucato, Puleo, ecc.ecc) mentre i “maestri” si sono confrontati. Di solito queste mostre  diventano “passeggiate artistiche” consumabili in pochissimi minuti anche se si ripete il percorso di visita. Questa Up Art si è arricchita in modo positivo  riempendo il vuoto che si crea al centro della esposizione con eventi collaterali mai banali e a tema. Già nell’appuntamento della scorsa settimana mentre la pittrice Manuela Seicaru “spiegava” la sua pittura (quindi visita guidata) il pubblico diventava “critica” suscitando un vivace dibattito .
Eccellente l’accompagnamento del Pianista  Fabio Lima che dava il ritmo al dibattito . Bellissimo lo spazio, anzi gli spazi o meglio capannelli creatisi fra gruppetti di artisti che si scambiavano considerazioni ed esperienze, trasformando la mostra in atelier. Il saluto dell’Amministrazione portato dal Vicesindaco Antonino Greco e dall’Assessore ai Servizi Sociali Dottoressa Salerno , che hanno calorosamente ringraziato la Sopraintendenza per l’imminente soluzione dell’accordo per l’usufruizione del Castello ha anticipato la performance del gruppo Chiusura a Strappo di Giorgio d’Amato e C.  che hanno presentato delle gag che sembravano scritte e ispirate dalle opere esposte. Eccellentissimi. Non possiamo non segnalare il rischio che abbiamo corso dopo la recente chiusura di questo Castello. Ci auguriamo che questa sia una lezione per politici e funzionari che si sono cullati lungamente con le chiavi in mano , di fatto ostacolando eventi come questo e grazie alla Sopraintendenza oggi possiamo dire di aver ottenuto un accordo che in ogni suo punto “ricorda” che questo bene è a sola usufruizione culturale . Disporre delle chiavi non deve intendersi “padronanza” del luogo. Sarà bene ricordarselo perché da questo contenzioso né siamo usciti bene (leggi accordo) , ma qualcuno non a testa alta.

GRAZIE ONOREVOLE


STIPULATO L’ACCORDO TRA LA REGIONE SICILIANA ASS.DEI BENI CULTURALI E L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI MARINEO
Giovedi mattina allle ore 10 nella Sede della Sopraintendenza verrà firmato l’accordo da una parte la Dottoressa Maria Elena Volpes e dall’altro il Sindaco di Marineo Pietro Barbaccia
Eravamo tutti convinti che “l’affare beccadelli” partito malissimo fosse finito in un buco nero lasciandoci disperati soprattutto conoscendo chi andava in giro tutto sudato per far vedere la fatica che stava facendo. Ormai tutti davano per “perso” il castello soprattutto quando arrivò la voce di un non gradimento se la trattativa era condotta male.
In silenzio e con pazienza subentrò un'altra squadra alla prima che con caparbietà ha condotto le nuove trattative partendo dai grandi livelli regionali . Abbiamo evitato sino ad oggi di affrontare l’argomento per non turbare queste nuove trattative ben sapendo che chi le conduceva non andava disturbato.
E cosi è toccato all’uomo che era definito “colui che disprezzava Marineo” che “i marinesi non meritavano” che pur essendo Onorevole non si occupava delle faccende marinesi. L’Onorevole Giovanni Greco crea il contatto al nostro Vice Sindaco , con l’Assessore Regionale Purpura il quale assieme al Direttore Generale Gaetano Pennino e alla Dottoressa Volpes riesaminano l’intero Dossier per trovare una soluzione. Dopo diverse proposte si arriva alla soluzione definitiva che la Dottoressa Volpes ha avallato mettendo su un piatto d’argento il Castello Beccadelli nelle mani del Comune di Marineo.
Il quale dovrà in primis accendere un cero a San Ciro perché la convenzione concordata dal nostro Vice sindaco Antonino Greco è un capolavoro dal punto di vista gestionale e amministrativo visto il punto di partenza.
Ma vorrei aggiungere che a prescindere dalle cariche trovare un altro funzionario come la Dott.sa Volpes che si fa carico delle aspettative dei marinesi sarà molto difficile in futuro e bisogna evitare usi impropri del castello e scorrettezze logistiche perché questo bene non è proprietà del Comune di Marineo o di qualche politico avventato ma bensi ne sta diventando “possessore” sotto condizione.
Qui si parla di cultura e chi vuol trasformare il luogo in “posto ideale per arrustiri” o farci schiticchi” vada in aperta campagna…
Ora il Comune compili un elenco trimestrale di “eventi” culturali veri e seri.
Mi pare che la comunità tutta debba ringraziare l’Ass. Purpura, Il Direttore Pennino e la responsabile , la Sopraintendente Dottoressa Maria Elena Volpes.
Quanto convenuto è riassunto in 13 punti , parte integrante dell’accordo, quanto sino a ieri era impensabile ottenere, oggi impegna la nostra Amministrazione a scelte responsabili di qualità culturale pena la revoca dell’accordo. Oltre la partizione delle spese di gestione ci pare che i punti focali sono le attività di valorizzazione del bene partendo dalla semplice segnaletica ad un elenco di eventi trimestrali da segnalare e concordare con la Sopraintendenza.
Ora il pallino passa ai nostri Amministratori locali che ne facciano un buon uso soprattutto trasparente e qualitativo.

lunedì 23 marzo 2015

LA SR 13 NON PORTA PIù A SANTA CRISTIMA ! ORA è IL MALUPASSU N.2




IL Signor Trentacosti (ex Assessore della giunta precedente) assieme ad altri 200 cittadini marinesi si è fatto promotore di una petizione (protocollata il 23 marzo n.3704) per sollecitare e quindi attivare urgentemente un intervento seppur provvisorio che faccia uscire dall’isolamento causato dalla frana che ha interessato la strada SR 13 al km 15 vicino al Ponte Stretto. Il disastro è  vistoso e seppur monitorato non può attendere le vie burocratiche che porteranno alla riparazione definitiva. Quindi i firmatari chiedono un intervento di “pronto soccorso” che permetta il passaggio e quindi la ripresa della viabilità. Gli stessi ben conoscendo l’iter burocratico e soprattutto la difficoltà che già si incontra a convocare i vari enti e comuni insistono per un intervento provvisorio. A tale scopo vista la lentezza della burocrazia marinese si sono rivolti al Sindaco di Santa Cristina il quale ha subito interessato l’ente che può agire con immediatezza per alleviare i disagi e far riprendere le attività agricole, commerciali e artigianali. Noi stessi abbiamo interpellato il Vicesindaco il quale “stiamo già lavorando” e giù una lista di enti che , a nostro parere vogliono un mese per incontrarsi e chissa quanto altro tempo per decidere. Il Signor Trentacosti assieme ad un gruppo di firmatari hanno espresso disappunto nel constatare che il Sindaco di Santa Cristina si è subito attivato mentre la nostra Amministrazione probabilmente sta cercando ancora di localizzare la frana. Ci sono interventi che non possono essere soggetti a demagogia e pur considerando le difficoltà burocratiche  , la dove non si possono superare bisogna utilizzare le capacita di amministratori e funzionari dimostrando che il posto che ricoprono lo meritano.